7.11.14

moda, stile, tendenza.



mòda s. f. [dal fr. mode, che è dal lat. modus «modo, foggia, maniera»; 
c. Con uso assol., o senza partic. specificazioni, il termine fa in genere riferimento all’ambito dell’abbigliamento (ma anche delle acconciature, degli ornamenti personali, del trucco, ecc.), nel quale il fenomeno è caratterizzato, soprattutto in tempi recenti, dal rapido succedersi di fogge, forme, materiali, in omaggio a modelli estetici che in genere si affermano come elementi di novità e originalità:lanciare, inventare una (nuova) m.; oggi la m. vuole così;  le piace vestirsi secondo la m.; disegnatore, giornale, figurino di moda; sfilata di moda.

stilè (o stilé) agg. [adattam. del fr. stylé, der. di style «stile»]. – Detto di persona che, nel modo di vestire, di comportarsi e sim., mostra un’eleganza raffinata e composta, non priva di una certa rigidità: una donnaun uomo s.; eleganza, signorilità, distinzione: vestire con stile; avere stile;


tendènza s. f. [der. di tendere]. – Disposizione e inclinazione, sia naturale e spontanea, sia acquisita e consapevole, verso un determinato modo di sentire, di comportarsi e di agire [...] Nella locuz. di tendenza, alla moda, in grado di condizionare le scelte e i gusti del pubblico: un locale di t., abbigliamento di tendenza.


Lunga premessa...non male come rientro. 

Chiedo perdono ma questo post è in cantiere da un po' di tempo.

Tre parole. Diverse, distinte... il cui significato spesso si mischia e si contamina. 

E' da qui che voglio ripartire, è da qui che riparto. 

Moda, stile, tendenza. 

Spero di ritrovarvi durante il viaggio.











1 commento:

  1. Oh, finalmente. L'inizio lascia proprio ben sperare! curiosissima di leggerti!

    RispondiElimina

leave a message...

Related Posts with Thumbnails